22 Jan 2019

Soggiornare in un monastero, è possibile?

Image Soggiornare in un monastero, è possibile?

Il raggruppamento di comunità religiose è specifico per alcune religioni. È particolarmente sviluppato nel cristianesimo e nel buddismo. L'ospitalità fa parte dei doveri dei religiosi, la maggior parte dei monasteri sono aperti ai viaggiatori che desiderano riconnettersi con la loro spiritualità. eDreams ti offre un soggiorno completamente nuovo in un monastero di tua scelta. La domanda non è più da chiedere, è possibile!

GIi uffici religiosi

I monasteri abitati da comunità religiose non sono visitabili. Siete i benvenuti, tuttavia, nei luoghi di culto (chiese o templi), dove si svolgono gli uffici religiosi di queste comunità. è una occasione di assistere a un servizio con canti gregoriani. Questa aiuta anche a scoprire il significato più profondo della liturgia. I monasteri cristiani presentano da sette a otto messe giornaliere. Per vivere un momento spirituale unico, la Messa di Natale e i servizi di Pasqua sono raccomandati. Un'esperienza da provare all'Abbazia di Tamié, in Savoia o all'Abbazia di Lérins, sull'isola Saint-Honorat, nelle Alpi Marittime. In Francia, diversi monasteri buddisti sono aperti ai non buddisti, per imparare la preghiera sotto forma di meditazione. Nella Sarthe, il Centro di meditazione di Kadampa offre giornate di insegnamento della meditazione o serate che combinano meditazione e pasti biologici vegetariani.

Brevi soggiorni

L'ambiente appartato dei monasteri e l'armonia che regna lì permettono di trovare la pace interiore. Per accogliere i viaggiatori, i monasteri hanno sviluppato una alberghiera. Questi sono edifici distinti dai luoghi in cui vivono i religiosi. Il comfort è molto semplice (docce e servizi igienici sul pavimento). Inoltre, è richiesto il silenzio, anche durante i pasti. In genere è richiesto di assistere alcuni servizi giornalieri. Per rafforzare la sua spiritualità, si può parlare con un religioso. Il tempo di soggiorno è limitato a una settimana. Devi prenotare almeno due mesi prima, perché i monasteri hanno poche camere. Attenzione, i luoghi di soggiorno non sono sempre misti. Al'Abbazia di Saint-Wandrille, nella Senna Marittima, l' alberghiera accoglie uomini, mentre l'albergiera esterna accoglie donne e famiglie. Le coppie non sposate possono rimanere, se impegnate e religiosamente preparando per il matrimonio. I giovani sono invitati a partecipare a viaggi di condivisione spirituale. Possono anche rivedere i loro esami in un ambiente religioso. Questo è il caso del convento di Betania nel Loiret.

Ritiri

Effettuare un ritiro in un monastero richiede un vero impegno spirituale. I ritiri possono durare una settimana o più. Coinvolgono la partecipazione più o meno importante nella vita della comunità religiosa: partecipazione ai servizi, preparazione dei pasti, pulizia ... Nell'abbazia di St. Joseph Clairval, Côte-d'Or, le pensioni richiedono di partecipare negli uffici. Forniscono anche conferenze, momenti di preghiera e riflessione religiosa, nonché un colloquio con il clero. Ma nell'abbazia di Bec-Hellouin, in Eure, se è consigliato, la partecipazione negli uffici non è affatto obbligatoria. I monasteri buddisti offrono anche ritiri, alternando sessioni di meditazione, insegnamento della parola di Buddha e partecipazione a compiti manuali (giardinaggio, preparazione dei pasti). È possibile iniziare con un ritiro nel fine di settimana, contattando il Centro buddista dell'Île-de-France a Parigi.

I prodotti artigianali dei monasteri

Poiché le regole monastiche richiedono ai religiosi di lavorare,si sono specializzati nella produzione di prodotti alimentari, cosmetici o oggetti di uso quotidiano. Questi prodotti provengono dalla conoscenza tradizionale. Questo è vero per le birre trappiste, prodotte nei monasteri cistercensi del Belgio e dei Paesi Bassi. In Francia, il liquore dei padri certosini viene elaborato nel monastero della Grande Chartreuse, nell'Isère. L'abbazia di Bonneval nell'Aveyron ha una fabbrica di cioccolato dalla fine del 19 ° secolo. Queste sono le suore che fanno le tavolette di cioccolato. Fermarsi in un'abbazia può essere l'occasione per scoprire prodotti biologici. Il monastero di Solan, nel Gard, coltiva viti e alberi da frutto su una ventina di ettari. I raccolti di uva si trasformano in vino biologico (bianco o rosso). I frutti maturi diventano marmellate o pasta di frutta biologica. L'abbazia di Lérins, nelle Alpi Marittime, conserva un vigneto di otto ettari, che dà gustoso crudo (rosso o bianco). Nel Morbihan, l'abbazia di Joy Notre Dame offre una vasta gamma di specialità gastronomiche (pan di zenzero, biscotti, biscotti, cioccolatini). Le virtù delle piante sono ben conosciute alle comunità religiose, molte delle quali offrono unguenti lenitivi (balsamo per pellegrini), saponi o creme con estratti naturali. eDreams ti farà godere di un soggiorno indimenticabile.